Simone Fattori

SUONI NELL'ETERE

Le storie di esilio che dalla seconda metà del ‘900 hanno riguardato musicisti e cantanti divenuti simbolo di lotta alle dittature e alle disuguaglianze, dal Sud America all’Africa. In Italia il tema dell’esilio in musica assume un’accezione tutta particolare, con le storie di Mina e Lucio Battisti, esuli dal proprio pubblico per buona parte della loro carriera.

“Siamo arrivati a Roma il 10 settembre del 1973, nell’ambito di una tournée in diversi Paesi dell’Europa. Una settimana prima avevamo suonato in Vietnam, ancora sotto i bombardamenti. Stavamo scoprendo il mondo, perché per la prima volta eravamo usciti dell’America Latina. Venivamo da un Paese, il Cile, che non aveva esperienze di tipo golpista. Il Cile è stato sempre, storicamente, un luogo di rifugio di diversi intellettuali, di diversi dirigenti dell’America Latina quando venivano a mancare le condizioni democratiche nei loro Paesi. Conoscevamo l’esilio degli altri: gli esuli della Repubblica spagnola, e tantissimi dal Venezuela, dal Brasile, dalla Colombia.” E’ così che, improvvisamente, Jorge Coulón Larrañaga, venticinquenne chitarrista degli Inti Illimani, vede trasformarsi sotto i suoi occhi una tournée trionfale in qualcosa di completamente diverso.

 

Continua a leggere l’articolo su Leussein

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: