Simone Fattori

SUONI NELL'ETERE

Questo nefasto 2020 è un anno importante per la radiofonia mondiale. Risalgono infatti a cento anni fa esatti le prime trasmissioni radiofoniche come le intendiamo oggi. Proprio nel 1920, infatti, cominciamo le trasmissioni in broadcast, ovvero da una stazione trasmittente a infinite stazioni riceventi. Certo, sono trasmissioni sperimentali destinate, almeno all’inizio, a pochissimi appassionati che avevano acquistato uno dei rarissimi apparecchi riceventi. 

Però bisogna prepararsi per bene a questo importante compleanno, anche se forse siamo già in ritardo. Procediamo per ordine.

 

In America la Westinghouse Electric Corporation, cui va il merito della produzione industriale e della commercializzazione di apparecchi riceventi all’inizio degli anni venti, è universalmente considerata la prima emittente radiofonica della storia della radio. Fu infatti uno dei suoi ingegneri progettisti, Frank Conrad, ad installare nel garage della sua casa una vera e propria stazione emittente e a trasmettere con un licenza amatoriale i dischi della sua collezione personale. 

Poco dopo la Westinghouse di Pittsburgh assorbì l’apparecchiatura sistemata nel garage e iniziò le trasmissioni con il nome di KDKA da uno stabilimento industriale di Washington.

 

 E’ il 2 novembre del 1920 ed è il giorno delle elezioni presidenziali: cominciano così le trasmissioni radiofoniche quotidiane, anche se la ricezione riguarda inizialmente solo qualche migliaio di radioamatori americani. E qui c’è la prima disputa, perchè documenti ufficiali attesterebbero che lo stesso giorno 8MK (WWJ) di Detroit trasmise esattamente la stessa cosa. Dunque, quale che sia davvero la prima radio, il centenario cadrebbe comunque il prossimo 2 novembre.

Ma, c’è un ma.

Secondo documenti del governo canadese, il 20 maggio 1920, cioè sei mesi prima, la CFCF trasmise per la prima volta da Montreal, e potrebbe dunque essere considerata la prima trasmissione radio programmata nella storia.

La questione è complicata. Come ammette Mary Vipond, professoressa emerita di storia delle comunicazioni di massa alla Concordia University di Montreal, “esistono diverse versioni della graduale trasformazione di XWA (codice di chiamata di CFCF, ovvero la sigla di autorizzazione a trasmettere, ndr) da sperimentatore di radiotelefonia a emittente regolare e la data esatta in cui XWA/CFCF ha iniziato la programmazione regolare potrebbe essere impossibile da determinare”. 

Dai documenti ufficiali risulta che XWA ha iniziato a testare le trasmissioni radiofoniche nel 1919 e la prima trasmissione di intrattenimento documentata è quella della sera del 20 maggio 1920. E’ una trasmissione per il pubblico della Royal Society of Canada che poteva essere ricevuto via radio fino a 175 chilometri di distanza da Montreal. La trasmissione si aprì con una serie di annunci e la riproduzione di dischi fonografici, come Dear Old Pal of Mine cantata dal tenore irlandese John McCormack. Successivamente la cantante Dorothy Lutton cantò dal vivo Believe Me, If All Those Endearing Young Charms  e Merrily Shall I Live. Ci fu addirittura un collegamento con Ottawa. Era la prima trasmissione di intrattenimento radiofonico, ma ne parlarono solo i giornali locali.

Per la storia completa dovrete aspettare l’uscita del mio libro, il prossimo 29 settembre. Però forse siamo già in ritardo per far partire la festa del centenario!

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: